Codice Etico


Art. 1 – Premessa

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Gruppo Sportivo Alto Adige – Sportverein Südtirol (di seguito società) opera nell’ambito sportivo di promuovere il ciclismo ai bambini dall’età di 6 anni e giovani fino all’età di 18 anni. La società riconosce lo sport quale strumento sociale, educativo e culturale, promuovendo e garantendo un ambiente sportivo ispirato ai concetti di lealtà, correttezza, amicizia e rispetto per gli altri. La società ripudia ogni forma di discriminazione e di violenza, la corruzione, il doping e qualsiasi cosa possa arrecare danno allo sport.


Art. 2 – Il Codice Etico

Il Codice Etico della società reca norme sostanziali e comportamentali che dovranno essere rispettate da tutti coloro che operano, sia su base volontaristica che agonistica, in seno alla società nell’ambito delle rispettive competenze ed in relazione alla posizione ricoperta.


Art. 3 – I destinatari

Il presente Codice si applica ai seguenti soggetti:

Il Codice Etico si applica comunque a tutti i soci e a tutti coloro che lo sottoscrivono volontariamente.


Art. 4 – Efficacia e Divulgazione

L’iscrizione alla società comporta l’accettazione incondizionata del presente Codice. Copia del Codice Etico è consegnata a tutti i soggetti destinatari sopraindicati, che sono pertanto tenuti a conoscerne il contenuto, ad osservare tutte le disposizioni in esso contenute, a contribuire alla loro applicazione, nonché ad assumersi le responsabilità conseguenti alla loro violazione che costituisce grave inadempienza ed è meritevole delle sanzioni disciplinari all’uopo previste dalla società. L’ignoranza del Codice Etico non può essere invocata a nessun effetto. Il Codice Etico esplica i propri effetti dal momento della sottoscrizione.


Art. 5 – La società

La società s’impegna a:

La società, inoltre, garantisce che:


Art. 6 – I Dirigenti

I dirigenti della società s’impegnano a:

Inoltre i dirigenti, in qualità di garanti del Codice Etico, hanno il compito di:


Art. 7 – Lo Staff Tecnico

I Direttori Sportivi devono tenere un comportamento esemplare che costituisca un modello positivo sia nell’ambito sportivo che educativo, e devono trasmettere ai propri atleti valori come rispetto, sportività, civiltà ed integrità che vanno al di là del singolo risultato sportivo e che sono il fondamento stesso dello Sport. A tale scopo i DS s’impegnano a:


Art. 8 – Gli Atleti

Gli atleti e tutti i praticanti attività sportiva devono perseguire il risultato sportivo ed il proprio successo personale nel rispetto dei principi previsti dal presente Codice Etico. Pertanto gli atleti, consapevoli che il loro comportamento contribuisce a mantenere alto il valore dello Sport, s’impegnano a:


Art. 9 – I Genitori degli Atleti

I genitori e gli accompagnatori degli atleti, durante gli allenamenti e soprattutto durante le gare sportive, devono tenere una condotta ispirata alla convivenza civile, al rispetto dell’avversario ed alla condivisione dello spirito sportivo e del divertimento. Pertanto i genitori e gli accompagnatori s’impegnano a:


Art. 10 – Azioni Disciplinari

Eventuali violazioni del presente Codice Etico da parte di chiunque saranno valutati dal Consiglio Direttivo, che avrà il compito di verificare la notizia e quindi ascolterà le testimonianze di tutte le parti in causa. Nel caso di accertamento delle violazioni, il Consiglio Direttivo deciderà l’azione disciplinare da intraprendere. Le azioni disciplinari possibili sono le seguenti:

Ogni tipo di decisione adottata deve essere comunicata al diretto interessato.
(*) a questa sanzione possono fare ricorso direttamente il DS o altro dirigente, senza ricorrere all’intervento del Consiglio Direttivo, anche i DS o dirigenti in virtù del ruolo che a loro viene riconosciuto di educatori e di esempio per i più giovani.


Il Consiglio Direttivo